«

»

Ott 24

Stampa Articolo

IL MONDO SECONDO MONSANTO: venerdi 26 ottobre al Magazzino 47

Il mondo secondo Monsanto è un’inchiesta giornalistica sulla multinazionale Monsanto, svolta dalla giornalista, scrittrice e regista Marie-Monique Robin vincitrice del Premio Albert Londres nel 1995 e del Premio Rachel Carson nel 2009.
L’argomento, estremamente attuale e controverso, è quello degli OGM; l’autrice lo indaga a partire dalla principale azienda produttrice e dalla sua storia, la Monsanto.
L’inchiesta ha avuto un buon riscontro di pubblico, con oltre 100.000 copie vendute e traduzioni in 15 paesi.
Dal libro la stessa autrice ha tratto un documentario omonimo nel 2008.

 Chi è Monsanto?
Monsanto è il principale produttore mondiale di Organismi Geneticamente Modificati (Ogm) ed è una delle aziende più controverse della storia industriale. Dalla sua fondazione nel 1901, nel corso degli anni, la multinazionale di Saint Louis nata come industria chimica, è stata accusata di negligenza, frode, attentato a persone e cose, disastro ecologico e sanitario, utilizzo di false prove.

Eppure, oggi, questo pericoloso gigante della biotecnologia che si pubblicizza come azienda della “scienza della vita”, grazie ad una comunicazione ingannevole, a pressioni e corruzioni, a rapporti di collusione con i vertici politici e amministrativi USA, continua indisturbato ad esportare e imporre in tutto il mondo il pericoloso modello dell’agricoltura transgenica.

Un impero industriale con sedi in quarantasei Paesi e un fatturato annuo di 7,5 miliardi, che ha coperto in colture OGM quasi 100 milioni di ettari tra Stati Uniti, Argentina, Brasile, Canada, India, Cina, Paraguay, Sudafrica, Spagna, Romania. A rivelare la storia, le azioni e gli interessi di questa potente multinazionale – e a far luce sulle reali conseguenze sanitarie e ambientali degli Ogm – arriva finalmente in Italia la coraggiosa inchiesta della giornalista francese Marie-Monique Robin.

“Nelle campagne del mondo ci vogliono uomini, non multinazionali. Il cibo deve essere prodotto per essere mangiato, e non solo per essere venduto. Ne va della sovranità alimentare dei popoli; ne va della nostra libertà. Non ci è dato sapere quali saranno in futuro gli effetti degli OGM sulla salute dell’ambiente e delle persone, ma per ora è certo che essi sono di proprietà di multinazionali che mirano a controllare il nostro cibo su scala globale, per vendercelo alle loro condizioni. Il Mondo secondo Monsanto ci fa capire di più su questi processi perversi, e ci mette in guardia sul futuro del cibo» dice Carlo Petrini fondatore Slow Food.

 

Dettagli sull'autore

Navdanya

Navdanya è la trx di Radio Onda d'Urto dedicata al consumo critico, all'economia solidale e all'ecologia.
http://navdanya.radiondadurto.org/

Permalink link a questo articolo: http://www.antinocivitabs.org/il-mondo-secondo-monsanto-venerdi-26-ottobre-al-magazzino-47.html